Unità Clinica

Ortopedia e Traumatologia

Dalle patologie di anca e ginocchio ai traumi sportivi

L'Unità Operativa di Ortopedia dell’Istituto Clinico Sant’Ambrogio ha come principale attività il trattamento delle patologie degenerative di ginocchio e anca e dei traumi sportivi dell’apparato locomotore, attraverso l’utilizzo di metodiche chirurgiche e artroscopiche che vanno dalla semplice riparazione di danni articolari, cartilaginei e legamentosi fino alla sostituzione protesica.

Inoltre, l’équipe di Ortopedia è strutturata per la gestione dei pazienti ortopedici in degenza e ambulatoriali e l’attività include visite ortopediche e di controllo, esami strumentali finalizzati alla diagnosi, alla terapia e al monitoraggio delle patologie ortopediche.

Centro di Chirurgia Protesica del Ginocchio e dell’Anca e Chirurgia Sportiva

Uno dei fiori all’occhiello dell’ortopedia è rappresentato dal Centro di chirurgia protesica del ginocchio e dell’anca e chirurgia sportiva, diretta dal dottor Bruno Violante. Il centro ha uno specifico know-how nella gestione e nel trattamento della Chirurgia di revisione protesica che si rende necessaria nei casi di:

  • un impianto protesico di ginocchio/anca che funzioni male o semplicemente usurato;
  • un’infezione della protesi e dei tessuti che la circondano.

In caso di infezione della protesi, i chirurghi in team con infettivologi e microbiologi valutano e associano la scelta chirurgica ottimale per la risoluzione dell’infezione e sostituzione della protesi, con l’obiettivo di rispettare e conservare il tessuto osseo residuo, base necessaria per il nuovo impianto definitivo.

Il controllo del dolore post operatorio, in collaborazione con l'équipe anestesiologica, e l'uso di protocolli intra e post operatori personalizzati sul singolo malato, fanno parte degli aspetti che più caratterizzano l’attività dell’équipe di Ortopedia.

Inoltre, l’équipe di Ortopedia è strutturata per la gestione dei pazienti ortopedici in degenza e ambulatoriali e l’attività include visite ortopediche e di controllo, esami strumentali finalizzati alla diagnosi, alla terapia e al monitoraggio delle patologie ortopediche.

5067

Interventi/prestazioni all’anno (ambulatoriali)

3317

Pazienti seguiti all’anno (ambulatoriali)

843

Ricoveri/dimessi

Le aree di attività

La chirurgia mininvasiva protesica

Nell’ambito della chirurgia protesica, l’attività si rivolge sempre a tecniche sempre meno invasive. La chirurgia mininvasiva protesica, mono o bicompartimentale, consente il trattamento di singole parti dell'articolazione lasciando inalterata la struttura legamentosa e quindi la propriocettività del paziente, con benefici percepiti maggiormente dai più giovani.Il cambio di passo in questa chirurgia è certamente rappresentato dall’adeguare diversi disegni protesici a pazienti diversi tra loro e che differiscono per gravità della patologia osteoarticolare e richieste funzionali.

Fast track per le protesi totali di anca e ginocchio

La chirurgia protesica totale di ginocchio e anca segue il percorso fast track e il controllo del dolore post operatorio con l’obiettivo di permettere al pazienti di mettersi in piedi e camminare assistito poche ore dopo l'intervento. In questo modo si riduce in modo drastico la presenza di patologie concomitanti e si aumenta l'empatia del malato verso una rapida guarigione.
Grazie all'evoluzione delle tecniche e dei materiali, l'impianto di una protesi consente di ottenere un risultato duraturo, è in grado di togliere il dolore e restituire mobilità e funzionalità normali all'articolazione; in una persona efficiente fisicamente, anche se avanti negli anni, fornisce anche la possibilità di praticare alcune attività sportive.

La chirurgia sportiva di ginocchio e caviglia

La chirurgia sportiva di ginocchio e caviglia tende al rapido ripristino della stabilità legamentosa, operando in artroscopia le rotture del legamento crociato anteriore e posteriore del ginocchio combinate anche con le cosiddette lesioni periferiche, quando presenti. La scelta del sostituto del legamento varia in base alle caratteristiche e necessità dello sportivo, favorendone così la personalizzazione.

Ampio capitolo viene riservato anche alla medicina rigenerativa della cartilagine con l'uso di trapianti autologhi (prelevati da paziente), cellule staminali e fattori di crescita.

Staff

  • Dott. Bruno Violante - responsabile
  • Dott. Francesco Carlea
  • Dott. Roberto Esposito
  • Dott. Enis Rustemi

Info e numeri utili

CUP - Centro Unico Prenotazioni