Cosa sono le cheratosi attiniche?

“La cheratosi attinica, spiega il Prof. Agostino Crupi, specialista di dermatologia oncologica presso la Casa di Cura La Madonnina, è una patologia legata alla pelle ed è causata da una cattiva esposizione della cute ai raggi solari. Tale problematica genera delle lesioni cutanee che possono presentarsi come irritazioni con aspetto squamoso e talvolta crostoso in tutte le zone maggiormente esposte ai raggi UV. In casi gravi possono verificarsi situazioni come arrossamenti e sanguinamenti. Tipicamente si localizzano sul viso, sulla testa (nelle persone con alopecia), nel dorso delle mani e negli avambracci. Hanno uno sviluppo lento e non è strano che compaiano e scompaiano, questo accade in base all’esposizione della pelle ai raggi solari. Le cheratosi sono catalogate come forme precancerose anche se non è detto che tutte le lesioni possano diventare dei veri e propri carcinomi cutanei.

È una patologia solitamente legate all’età e a un periodo prolungato di esposizione ai raggi solari in maniera diretta e non protetta. Negli ultimi anni si è visto accrescere il problema anche nei giovani che per ottenere un’abbronzatura perfetta si sottopongono spesso a lampade estetiche anche in inverno.
Per curare queste lesioni esistono diverse tipologie di trattamento, tramite farmaci, come antinfiammatori o farmaci con azione simil-chemioterapica, o attraverso l’utilizzo di strumentazioni di tipo dermochirurgico come la PDT (terapia FotoDinamica). Fondamentale è la richiesta di un consulto dermatologico non appena le lesioni diventano evidenti”

X