Unità Clinica

Neurochirurgia dell’Istituto Ortopedico Galeazzi

Le patologie trattate

L'Unità operativa di Neurochirurgia dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi si occupa del trattamento chirurgico dei tumori del sistema nervoso centrale, intrinseci, estrinseci, primari e metastatici. Accanto al trattamento delle neoplasie cerebrali, l'Unità si occupa anche del trattamento chirurgico delle lesioni cerebrali associate a epilessia ed epilessia farmaco-resistente.

È uno dei centri di riferimento internazionali per il trattamento delle lesioni cerebrali con tecniche di brain mapping e il primo centro in Italia per il trattamento attraverso la DBS-Deep Brain Stimulation (Stimolazione Cerebrale Profonda):

  • trattamento dei disturbi del movimento (Parkinson, distonia e tremore essenziale)

  • trattamento del comportamento (disturbo ossessivo-compulsivo).

Tra gli altri punti di forza ed eccellenze dell’attività vi sono:

  • il trattamento chirurgico per la nevralgia del trigemino con procedure a cielo aperto o percutanee;

  • il trattamento chirurgico dell'idrocefalo ostruttivo o normoteso con metodica endoscopica o uso di valvole programmabili. 

Si trattano anche le patologie degenerative del rachide (ernie o stenosi cervicali, dorsali e lombari) e le patologie tumorali del midollo con tecnica microchirurgica. Si effettuano inoltre interventi di stimolazione spinale per il trattamento dei dolori cronici. Si effettuano inoltre interventi di chirurgia sul sistema nervoso periferico.

È attivo, all’interno del Pronto Soccorso della struttura, la reperibilità per il trattamento delle urgenze di carattere neurochirurgico, 24 ore su 24, 365 giorni l’anno.

Il trattamento del glioma con la Supra Total Resection

L'unità è specializzata nel trattamento dei gliomi (tumori intrinseci), soprattutto a basso grado di malignità, di cui rappresenta uno dei punti di riferimento per il trattamento a livello nazionale, europeo e internazionale.

Il trattamento si basa sul concetto di trattamento chirurgico secondo limiti funzionali (neuro-oncologia funzionale, functional neuro-oncological surgery), in cui la resezione chirurgica ha come limite l'individuazione sulla superficie del cervello (a livello corticale) e all’interno del cervello (a livello sottocorticale) delle aree funzionali e dei loro collegamenti (tratti sottocorticali). Grazie a questa metodica (brain mapping e monitoring), è possibile rimuovere in modo esteso vaste neoplasie cerebrali, localizzate in punti critici del cervello, mantenendo l'integrità funzionale del paziente.

In particolare, l’Unità ha sviluppato la tecnica della Supra total resection che si basa sullo studio nel periodo pre-operatorio e intraoperatorio del funzionamento del cervello del singolo paziente attraverso l'uso di:

  • neuropsicologia

  • metodiche di immagine di Risonanza

  • metodiche di indagine intraoperatorie, in particolare della neurofisiologia e neuropsicologia intraoperatoria.

La salvaguardia della integrità funzionale

Il primo passo è comprendere il funzionamento del cervello e il suo grado di ri-organizzazione funzionale (plasticità) nel singolo paziente attraverso la neuropsicologia e le metodiche di immagine.

Attraverso la valutazione neuropsicologica, un esame raffinato ed esteso (la neuropsicologia fornisce al chirurgo informazioni sullo stato di funzionamento e organizzazione dei vari network funzionali del cervello e quindi del suo grado di plasticità.

Accanto alla neuropsicologia, la psico-oncologia indaga la reazione del paziente alla malattia, i suoi bisogni, necessità e aspettative. Il neuropsicologo e lo psico-oncologo selezionano i test da effettuare durante la procedura chirurgica, selezionandoli “al singolo paziente”, e lo preparano attentamente alla procedura.

Le informazioni ottenute con la neuropsicologia sono integrate con quelle ottenute dalle metodiche di immagine in Risonanza e con la PET.

Questo aiuta a programmare l’intervento e a calibrarlo sulle esigenze e caratteristiche del singolo paziente, con lo scopo di mantenere l’integrità funzionale.

Tecniche innovative “calibrate” sul singolo paziente

Al momento dell'intervento, il chirurgo individua le funzioni sulla superficie del cervello (motoria, linguaggio, visiva, visuospaziale, cognitive...) e all'interno di esso individua i network grazie alla neurofisiologia intraoperatoria e alla neuropsicologia, ed è coadiuvato in questo anche da metodiche di immagine intraoperatoria (TC, ecografia, neuronavigazione).

L’équipe di Neurochirurgia ha sviluppato una notevole esperienza nel mappaggio delle funzioni motorie e delle funzioni cognitive, anche a livello dell’emisfero non dominante, con preservazione della capacità di interagire con l’ambiente, prendere decisioni, mantenere contatto empatico con l’ambiente e con gli altri individui, e il contenuto emozionale.

Questa attività è possibile, perché insieme ai chirurghi esperti di neuro oncologia funzionale sono presenti neuropsicologi e neurofisiologi dedicati, che insieme lavorano sia prima dell'intervento, sia in camera operatoria per il raggiungimento dell'obiettivo di estendere al massimo la resezione chirurgica e di mantenere allo stesso momento l'integrità funzionale del paziente.

La presenza in camera operatoria di anestesisti con larga esperienza di anestesia per tecniche di brain mapping assicura ulteriormente la riuscita delle procedure.

Il gruppo di neurochirurgia oncologica ha eseguito più di 3000 interventi con l'ausilio di tecniche di brain mapping e monitoring e rappresenta uno dei gruppi leader mondiali nell'impiego di tali metodiche nella resezione dei tumori e di lesioni associate a epilessia.

Le stesse metodiche possono essere impiegate anche nella resezione di tumori metastatici, di tumori estrinseci (meningiomi) e di lesioni vascolari quali angiomi cavernosi, localizzati in area critica, con la stessa efficacia e sicurezza. Le stesse tecniche possono essere utilizzate per la resezione di lesioni associate a epilessia, per assicurare oltre alla rimozione della lesione, anche quella dell’area irritativa (dove partono le crisi), mantenendo l’integrità funzionale del paziente.

596

Interventi all’anno

1830

Prestazioni ambulatoriali all’anno

Centro di riferimento di Stimolazione Cerebrale Profonda

DBS per la malattia di Parkinson

Un'altra eccellenza dell'Unità operativa riguarda la neurochirurgia funzionale e, in particolare, la Stimolazione Cerebrale Profonda (DBS): il reparto ha competenza non solo chirurgica, ma anche neurologica e psicologica. 
L’équipe è infatti composta da vari specialisti e ha raggiunto un’esperienza, la prima in Italia e internazionalmente riconosciuta, nella DBS per la malattia di Parkinson, i quadri ossessivo-compulsivi associati spesso alla patologia ticcosa, la distonia e il tremore.

La collaborazione con il Centro della Sindrome di Tourette

L'unità si avvale della stretta collaborazione con il Centro della Sindrome di Tourette e disturbi extrapiramidali, diretta dal professor Mauro Porta, che vanta una delle esperienze più significative a livello mondiale.

Vengono effettuati screening diagnostici specialistici che coinvolgono neurologi, neuropsicologi e neurofisiologi. Sono a disposizione le terapie più avanzate, da quelle non invasive a quelle mininvasive, che passano attraverso l'utilizzo della tossina botulinica fino alla DBS. 

Nell'ambito della rieducazione, sono attivi diversi programmi di neuroriabilitazione cognitiva e habit reversal. Questa collaborazione rende possibile una completa gestione anche del paziente chirurgico.

Staff

  • Prof. Lorenzo Bello (responsabile)
  • Dott. Domenico Servello
  • Prof. Mauro Porta
  • Dott. Enrico Aimar
  • Dott. Vincenzo Callipo
  • Dott.ssa Alessandra Isidori
  • Dott.ssa Marta Lamperti
  • Dott.ssa Antonella Leonetti
  • Dott. Guglielmo Puglisi
  • Dott. Federico Longhitano
  • Dott.ssa Claudia Menghetti
  • Dott. Marco Riva
  • Dott. Marco Rossi
  • Dott. Edvin Zekaj

Info e numeri utili

Dove siamo

Servizio prenotazione/accettazione: piano terra

Con Servizio Sanitario Nazionale

Call Center prenotazioni SSN tel: 02 87370500

Call Center ricoveri SSN tel: 02 66214005

In regime di solvenza

Call Center prenotazioni Solventi tel: 02 87370505

Call Center ricoveri solventi tel: 02 66214739 - 02 66214648