Ciclabile S. Anna: al via i lavori di completamento

PUBBLICATO IL 25 MARZO 2019

Sono stati avviati i lavori per la realizzazione del secondo stralcio del percorso ciclopedonale che collegherà via del Franzone a via Torricella di sotto. L’intervento, previsto nell’ambito della convenzione urbanistica per l’ampliamento dell'Istituto Clinico S. Anna, ha un importo di 100 mila euro e permetterà di completare - dopo il primo, importante, step del progetto portato a termine lo scorso anno - il periplo pedonale della collina di S. Anna oltre a collegare il quartiere al percorso ciclabile extraurbano “Brescia-Paratico”.

La nuova pista ciclopedonale, che si trova nell’area caratterizzata dalla presenza dell’Istituto Clinico S. Anna e del centro sportivo S. Filippo, proteggerà gli utenti deboli della strada in un tratto che, pur essendo in area urbana, è percorso da un traffico intenso e manca di caratteristiche di sicurezza e di comoda accessibilità per pedoni e ciclisti. Per realizzare un percorso dotato di una sezione di tre metri e mezzo verrà allargato il marciapiede laterale e sarà risezionata la carreggiata stradale esistente, mantenendo comunque il doppio senso di marcia e il parcheggio in linea sul lato est.

La pista proseguirà quindi nell’area verde, all’interno di un prato che contornerà la pavimentazione in dolomite, delimitata da recinzioni in rete romboidale verde: il percorso ciclopedonale sarà separato e autonomo rispetto alle zone agricole circostanti. Da via del Franzone sarà così possibile raggiungere agevolmente via Torricella di sotto e il percorso ciclabile provinciale “Brescia-Paratico” in direzione di Cellatica e Gussago. È anche previsto un nuovo impianto di illuminazione che consentirà un superiore comfort e una maggiore visibilità eliminando le pericolose zone d’ombra presenti ora lungo la banchina stradale. Saranno installati 17 punti luce costituiti da pali in acciaio zincato e corpi illuminanti Led che saranno forniti e posati da A2A. I lavori, iniziati il 2 febbraio scorso, si concluderanno il 10 maggio 2019.

  • Cura e Prevenzione