Radicolopatie cervicali: di cosa si tratta?

PUBBLICATO IL 20 FEBBRAIO 2018

La radicolopatia è una patologia del sistema nervoso periferico che colpisce la radice di un nervo spinale, solitamente a causa di sindrome da compressione. Puó colpire sia una sola radice nervosa, sia più radici nervose contemporaneamente. Come ci ha spiegato il Dott. Biagio Troianiello, Responsabile dell’U.O. di Neurologia dell’Istituto Clinico S. Anna, "si tratta di una sindrome dolorosa continuativa, intensa, a volte lancinante, che interessa la regione cervicale e/o l’arto superiore, lungo il territorio di distribuzione di una radice. Può manifestarsi, per tipologia, con le caratteristiche di un dolore nevralgico”.

Ci descriva la genesi del dolore.

“All’interno dello speco vertebrale vi è un'abbondante innervazione nocicettiva, fornita ai dischi intervertebrali, al legamento longitudinale posteriore, alla parte anteriore della dura madre, ai plessi venosi, dal nervo seno vertebrale costituito da assoni amielinici sensitivi di piccoli neuroni a T dei gangli dorsali. All’esterno dello speco le strutture rachidee ricevono innervazione nocicettiva dai rami del nervo spinale corrispondente”.

E quali sono, invece, le cause che determinano questo disturbo?

“Protrusione ed ernia discale, stenosi del canale cervicale, spondilodiscoartrosi, spondilolistesi, traumi, neoplasie intra ed extradurali”.

  • Cura e Prevenzione