Rimedi per il colpo di frusta: i consigli del dottore

PUBBLICATO IL 01 OTTOBRE 2019

Basta un tamponamento improvviso da fermi o un incidente in auto e il collo si ritrova rigido e dolorante a causa del colpo di frusta.

Il colpo di frusta è un evento traumatico a carico del collo che, se non curato bene, può lasciarti postumi dolorosi anche a lungo termine. Come intervenire?

Lo abbiamo chiesto al dott. Paolo Gaetani, neurochirurgo, Responsabile della U.O. di Chirurgia Vertebrale dell’Istituto di Cura Città di Pavia del Gruppo Ospedaliero San Donato. Ecco i consigli del medico.

I sintomi: cervicalgia, mal di collo, rigidità

Il colpo di frusta avviene di solito – ma non esclusivamente – a seguito di un tamponamento o incidente in macchina: l’urto provoca in chi si trova nell’abitacolo una scossa improvvisa che fa rovesciare indietro la testa per poi riportarla in avanti con altrettanta violenza.  

Spiega il dott. Paolo Gaetani: “È un movimento violento e non controllato del collo dovuto alla repentina estensione e flessione del tratto cervicale della colonna vertebrale.

Si tratta, nella precisione, di due movimenti forzati innaturali del collo: l’iperestensione e l’iperflessione, che comportano stiramenti e contusioni muscolari i quali si manifestano con sintomi come cervicalgia, dolore e rigidità”.

Come intervenire? Trattamenti e rimedi

Quali sono i trattamenti e gli interventi da fare in caso di mal di collo, rigidità e cervicale causati da un incidente?

Risponde il dottore: “I farmaci ad azione analgesica e antifiammatoria sono utili per consentire il ritorno alle normali attività. Ma non solo: è fondamentale anche pianificare programmi riabilitativi per consentire una rieducazione graduale dei muscoli e delle parti coinvolte in seguito al trauma”.

Sì al collare per cervicale, ma con moderazione: “Il collare morbido e il riposo sono fondamentali nella prima fase dei disturbi, ma è bene non abusarne, perché si può incorrere nella cronicizzazione della patologia”.

Per evitare che il colpo di frusta lasci fastidiose conseguenze, quindi, puoi intervenire nei primi giorni con farmaci antinfiammatori, collare morbido e riposo, nel frattempo, pianificare gli interventi riabilitativi necessari da iniziare passata la fase acuta.

  • Cura e Prevenzione